Caratteristiche

//Caratteristiche
Caratteristiche2018-12-21T11:03:53+00:00

Un’acqua pura, salutare e leggera

Le caratteristiche geologiche delle rocce e l’ambiente incontaminato dai quali sgorga, conferiscono ad Acqua Mangiatorella una serie di proprietà salienti, che ne testimoniano l’assoluto valore qualitativo e si traducono in numerosi benefici per chi la beve.

Grazie all’ambiente incontaminato dal quale sgorga, Acqua Mangiatorella non presenta indici di contaminazione chimici, microbiologici, naturali o causati da insediamenti umani, come testimonia il suo contenuto di nitrati praticamente pari a 0.

Grazie al suo contenuto di sali minerali e al loro rapporto equilibrato, come si ricava anche dal valore di conducibilità elettrica (solo 88 µS/cm), tra i quali spicca un’adeguata presenza di silice, Acqua Mangiatorella apporta numerosi benefici all’organismo umano.

Il bassissimo indice di residuo fisso (68,4 mg/l), associato a una durezza totale tra le più basse (2,2° F), sta a indicare la limitata mineralizzazione di Acqua Mangiatorella, che perciò si rivela leggera al palato e dona un sapore delicato, armonioso e fresco.

Residuo fisso a 180°C (1) 68,6 mg/l
Durezza totale (5) 2,3 °f
Temperatura del’acqua 9 °C
Ammoniaca e nitriti Assenti
pH (3) 6,04
Con. elettrica a 20 °C (4) 85,5 µS/cm
Anidrite carbonica libera 17,1 mg/l
Sali minerali principali mg/l (6)
Bicarbonato 30,9
Cloruro 10,1
Solfato 4,7
Magnesio 1,4
Potassio 0,6
Fluoruro 0,11
Nitrato (2) 0,07

Legenda

  1. Il residuo fisso a 180°C dà una stima del contenuto in sali minerali, per cui più è elevato e più sali sono disciolti in un litro. Nelle oligominerali non supera i 500 mg/L, quello di Mangiatorella è estremamente basso (68,4 mg/l), rivelandola leggera e dal sapore delicato.
  2. I nitrati, imputabili all’uso di fertilizzanti, scarichi civili o industriali ecc., sono un parametro importante, soprattutto per le acque destinate all’infanzia, che, in base alla normativa, non possono contenerne più di 10 mg/L. In Mangiatorella sono praticamente assenti (0,07 mg/l ).
  3. Il pH indica l’acidità dell’acqua, valori inferiori a 7 indicano condizioni di acidità, superiori di basicità. Il pH delle acque minerali naturali è generalmente compreso tra 6,5 e 8, quello di Mangiatorella si posiziona a poco più di 6.
  4. La conducibilità elettrica specifica a 20° C aumenta all’aumentare delle sostanze minerali disciolte, dipendendo quindi dal contenuto in sali. Mangiatorella ha un indice molto basso (88 µS/cm), che conferma la esiguità del suo residuo fisso e la dose equilibrata di minerali presenti.
  5. La durezza dà una stima della presenza di calcio e magnesio, per cui più è alta più l’acqua è calcarea.  Non esiste un valore limite, ma in genere le acque leggere e gradevoli dovrebbero presentare valori inferiori a 15° F, proprio come Mangiatorella, la cui durezza è molto bassa.
  6. Sodio, calcio, potassio, magnesio, silice e gli altri sali minerali sono micronutrienti essenziali per l’organismo, in quanto intervengono positivamente in numerose attività metaboliche. Acqua Mangiatorella ne contiene in misura equilibrata e ideale per una corretta alimentazione.